LIDIA E SARA

Lidia. 16 anni. Un tratto di strada tra il parco e l’ultima fermata. Periferia est. Le cuffiette. La musica anni 80 che ha imparato ad ascoltare con il padre. Lidia cammina al centro di un’immagine. C’è il suo viso e il suo modo timido di provare a raccontare i suoi pensieri. I suoi sentimenti. C’è Sara che gesticola. Lo fa come se cercasse a scacciare il volo ravvicinato di fastidiosi insetti. A ronzarle dentro c’è la paura. La paura che questa volta è finita. Che non ci sarà più un’altra possibilità. Lidia le prende le mani. Le dice di tacere. “Smettila. Guardati. Se pure non dovesse tornare non sarà la fine”. Sara singhiozza. Rallenta. Ha gli occhi lucidi. Il fiatone. Come se avesse appena finito una lunga corsa. Lidia l’abbraccia. Non lo fa come una amica. Non come una sorella. Vorrebbe baciarla. Ma non osa. Lo desidera da sempre. Ma non è il momento. E forse, non lo sarà mai.
ED
GE

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...