IL RITRATTO

Il sorriso lacerato. La voce smunta. La pelle increspata. E tu che mi raffiguri nei lustri di una giornata di sole. Ma non lo vedi? Sono una venere deposta, una promessa dismessa, il rudere di un sogno. “Io dipingo ciò che sei e non quel che appari” mi rispondi. Poi prendi il blocco dei disegni e mi indichi la poltrona. “Ora siediti, guarda fuori. Inclina un po’ l’anima verso di me. Ferma così. Incantevole. Sarà un ritratto meraviglioso”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...