POESIA

Sempre di fretta. Senza priorità perché tutto è urgente. Tomi di giornate sempre uguali, senza domani: nessuno le ricorderà. Tra questi fogli unti di inchiostro delirante, poche righe in bianco. Incontaminate profondità tra le quali sottrarsi all’universo, ad un’identità, ad un volto. Riaffioro sull’altro versante. E’ già sera. Mi verso del vino. Apro una pagina a caso. Sulla poltrona di vimini, davanti alle begonie imbevute di luna, il poeta canta il corpo elettrico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...