LAURENTINO 38

C’è un posto, in questo quartiere, dove sorridere mi riesce meglio. Un’erba aromatica cresce spontanea sulle rocce inviolate di un insolente dirupo. Seduta con i piedi che non toccano terra. Un muretto bianco, sospeso tra due file invalicabili di palazzi. E l’asfalto, di sotto, si addentra nel racconto incompiuto di una strada senza uscita. Sul confine, tra l’attesa e il tuo nome, audaci filamenti di una sottile essenza dissipano il grigio malumore di questa periferia con sfumature leggerissime di malva.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...