fondali

Trattengo il respiro. L’oceano mi possiede. Mi abbandono al flusso delle correnti. La tua coda di pesce brilla. Squame d’oro e cianite azzurra. Tra le stravaganti forme di uno sgargiante fondale, evochi Kandinskij: le tue mani sul mio ventre seguono esoteriche linee che suscitano meraviglia. Quando riemergo il sole decora il tuo viso. Intingo le dita in quella polvere di cui sono cosparsi i tuoi zigomi. Ha il sapore di uva e rarefatta letizia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...