UNA VOCE

Una voce. Si defila dalla folla chiassosa. Mi sfiora le dita. Mi chiede di camminarle accanto. Fino a casa. Poche centinaia di metri. Il corso alberato. A destra per i portici nella penombra dormiente delle vetrine spente. Fino alla piazza. Il monumento al sommo poeta in marmo bianco. Rosso. Verde. Attraversiamo. Il tuo portone. Civico 22. Poche centinaia di passi per amalgamare le nostre ombre, le nostre reciproche oscurità. Poche centinaia di parole per assemblare i nostri sogni più complicati, i più belli, in un irragionevole desiderio di condividerne il destino.

One Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...