INCUBO

Mi addentro in un’altra oscenità. Sotto un cielo sagomato dal grigio dei palazzi. Non ci sono alberi. Non ci sono bambini che corrono per strada. Tu che sei dall’altra parte di questo incubo e senti che mi agito e senti le mie urla, non allarmarti, non addolorarti per me. Non provare ad entrarci. Resta fuori. Aspettami. Appena ne sarò uscito, fammi salire. Guida veloce. Portami via.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...