ATTESE

Le condizioni meteo ci sono avverse. Soffia un forte vento che ti trattiene oltre l’orizzonte. Salgo sul punto più alto della scogliera. Il mare, in basso, si schianta con violenza contro le rocce scure. Strizzo gli occhi cercando qualcosa che mi racconti del tuo ritorno. L’albero maestro. Una vela. La divina immagine della polena. Niente. Solo onde. Onde dalla bianca criniera che galoppano disperate per frantumarsi contro gli speroni semisommersi di queste rive inospitali rivolte ad est. Il mio sguardo è laggiù. In balia delle onde che mi riportano indietro  ogni volta che provo ad allungarmi verso il porto che ti trattiene. Il vento cambierà. Avrà muscoli possenti. Ti spingerà fino a me, anticipando nell’aria i profumi delle terre dalle quali stai per salpare. E tra i fiori d’oriente, le fragranze dei tessuti e delle spezie, ti riconoscerò. E saprò che quel puntino laggiù, appena sopra la linea tesa tra terra e mare, sei tu.

 

ED

GE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...