CHEIMONERNUM

“Non può essere il freddo a togliermi il colore”, disse la rosa.
“Vorrei staccarmi da questo stelo e toglierti quel marrone di dosso”, disse alla foglia.

“Sotto di noi, la terra appartiene al freddo”, rispose la foglia.
“Lasciami provare”, disse la rosa.

“Se cadrai da quel punto, perderei il tuo colore”, la ammonì la foglia.
“Voglio correre il rischio, non voglio lasciarti appassire” urlò la rosa prima di lasciarsi cadere.

I suoi petali, tutti d’un rosa che cedeva al candore del bianco, si sparpagliarono tutto intorno.

La foglia pianse e con le sue lacrime di rugiada donò vita a quella terra.
Quella terra, in primavera, generò il più bel rovo di rose di tutto il monte.

 

img_20161124_235249

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...