9 LUGLIO

C’era l’incessante canto delle cicale e l’inaccessibile silenzio della sua bocca. E la grazia con la quale portava in giro per il mondo inconsapevoli luminescenze. Quel suo modo di guardare. Di tacere. L’accurata simmetria tra i colori delle sue vesti e i colori dei suoi sguardi. Spiragli di splendore nelle ombre più dense.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...